Riflessioni su Antonio Rizzi

In questo capitolo farò delle riflessioni sul personaggio di Antonio, sul suo carattere e sulla sua personalità.
Antonio è un ragazzo come tutti gli altri, ma mentre molte persone con problemi simili ai suoi si sarebbe abbattuti lui è andato avanti.

Sin dalla tenera età ha visto la morte e ha capito sulla sua pelle quanto sia importante andare avanti con le proprie gambe. Entrare a contatto con il mondo della mafia gli ha fatto capire i pro e i contro di quel mondo. Si è abbastanza furbi come nel suo caso si può andare avanti, altrimenti è la fine.

Lui non è impulsivo, anche quando si trova davanti all’uomo che ha distrutto la sua famiglia riuscirà ad elaborare un piano per ottenere la sua vendetta, ben sapendo che potrebbe costargli caro.

Infine ha capito quanto sia importante avere al proprio fianco persone fidate che possono aiutarlo in ogni situazione, e di come bisogna fidarsi delle persone giuste. Lui troverà quello che cerca 10 anni dopo gli eventi di Corleone, a New York entrando in contatto con i soci d’affari di Francesco Cilli, lavorando per loro e infine scontrandosi con il suo nemico nella resa dei conti finale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Campi obbligatori: *